Il cavallo

12175911_10207941866374261_582987968_o

“Era vinuto da lontano, il cavaddro.

S’infilò alla lesta i cazùna e ‘na cammisa, raprì la porta-finestra e dalla verandina scinnì nella spiaggia.

Quannu fu vicino all’armàlo e lo taliò, vinni assugliato da una botta di raggia incontenibile.

<<Bastardi!>>

Pinsò di stari continuanno a sognare. Po’ accapì che la vestia supra la rina era reale. Ma come mai quel cavaddro era vinuto a moriri davanti alla sò casa?

Era chiaro che a un certo momento il cavaddro, martoriato come s’attrovava, era arrinisciuto lo stisso a scappari e si era mittuto a curriri alla disperata fino a quanno non ce l’aviva fatta cchiù. ( Andrea Camilleri, La pista di sabbia)

Annunci

5 thoughts on “Il cavallo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...